Heartstopper: la saga di romanzi grafici LGBT+ diventa una serie tv Netflix

Heartstopper è una saga di 4 romanzi grafici a tema LGBT+ dell’autrice britannica, appena ventiseienne, Alice Oseman.
La Oseman ha esordito con il suo primo romanzo per giovani adulti, Senza Nuvole, ad appena diciassette anni ed è autrice anche di Radio Silence, Loveless e I Was Born For This.
Dalla penna della stessa autrice, ha visto luce la sceneggiature della serie televisiva ispirata ai graphic novel, voluta da Netflix e prodotta dalla casa di produzione See-Saw Films.

Kit Connor e Joe Locke

Le riprese della prima stagione, che sarà composta da un totale di otto episodi da trenta minuti l’uno, sono iniziate meno di una settimana fa.
i protagonisti Kit Connor (His Dark Materials) e l’esordiente Joe Locke sono stati annunciati dai canali social di Netflix appena tre giorni fa. Mentre oggi, sugli stessi social, è stato annunciato l’intero cast della serie. 

Al fianco di Kit Connor e Joe Locke troviamo Yasmin Finney, ragazza britannica trans di 17 anni, che è entrata da poco a far parte del cast del film debutto alla regia di Billy Porter: What If?.
Sebastian Croft (noto per la sua apparizione, seppur breve, in Game Of Thrones) e gli esordienti  William Gao, Corinna Brown, Kizzy Edgell, Cormac Hyde-Corrin, Tobie Donovan, e Rhea Norwood.
La regia è invece affidata a Euros Lyn (Sherlock, Doctor Who).

Heartstopper, serie tv Netflix
Cast della serie

Heartstopper  nasce come fumetto web lanciato su tumblr e racconta la storia di Charlie (Joe Locke),  un ragazzo sensibile e apertamente gay, e Nick (Kit Connor), giocatore di rugby dal cuore d’oro, due adolescenti che frequentano lo stesso istituto maschile e che nonostante le loro diversità impareranno ad amarsi. 

Amore, amicizia, diversità e salute mentale sono solo alcuni degli importanti temi che tratterà la serie tv, prevista su Netflix nella primavera 2022.

Media

Ultimi approfondimenti

Intervista a Maria Paz Gonzalez, regista di Lina de Lima

Maria Paz Gonzalez è una documentarista cilena. Il suo primo film di finzione, Lina de Lima (ne abbiamo parlato qui), ha vinto al FESCAAL...

Perché Sex Education non è una serie tv come le altre

Prodotto originale Netflix creato da Laurie Nunn, Sex Education si è sicuramente aggiudicato un posto di rilievo tra i prodotti della piattaforma, differenziandosi dalle...

Il piacere femminile in Mon Nom est Clitoris

Le esperienze delle intervistate si estendono inevitabilmente ad un discorso generale sulla sessualità femminile: il personale diventa dunque politico, e la clitoride diventa l’emblema di indipendenza, di lotta e rivoluzione contro la sovrastruttura religiosa e la morale ancora bigotta di una società patriarcale.