The Underground Railroad arriva su Prime Video: il trailer

The Underground Railroad segue le vicende di Cora (Thuso Mbedu), giovane donna schiava che durante la fuga per la libertà si imbatte in una ferrovia sotterranea – quella del titolo, appunto – inseguita da un temibilissimo cacciatore di taglie.

In dieci episodi in totale, la nuova miniserie Amazon Studios riflette sulla schiavitù e su ciò che significava (e forse significa ancora) essere neri in America.

Barry Jenkins, di Moonlight e If Beale Street Could Talk, è showrunner e regista di tutti gli episodi. La serie è basata sull’omonimo romanzo di Colson Whitehead, che in italiano è distribuito col titolo “La ferrovia sotterranea”.

The Underground Railroad sarà disponibile su Amazon Prime Video dal 14 maggio.

Ultime news

Zoë Kravitz al debutto come regista con il film Pussy Island

L'attrice di Big Little Lies e High Fidelity debutterà dietro la macchina da presa con un film intitolato Pussy Island, di cui sarà anche...

“The Power of the Dog” di Jane Campion in anteprima a Venezia

Jane Campion presenterà il suo primo lungometraggio dopo oltre dieci anni, in anteprima al prossimo Festival del cinema di Venezia. Intitolato The Power of...

Ava DuVernay e Google in supporto delle minoranze sottorappresentate al cinema

ARRAY, il collettivo artistico fondato da Ava DuVernay, ha stretto una collaborazione con Google al fine di stanziare annualmente 500 mila dollari. La somma...

Ultimi approfondimenti

Intervista a Maria Paz Gonzalez, regista di Lina de Lima

Maria Paz Gonzalez è una documentarista cilena. Il suo primo film di finzione, Lina de Lima (ne abbiamo parlato qui), ha vinto al FESCAAL...

Perché Sex Education non è una serie tv come le altre

Prodotto originale Netflix creato da Laurie Nunn, Sex Education si è sicuramente aggiudicato un posto di rilievo tra i prodotti della piattaforma, differenziandosi dalle...

Il piacere femminile in Mon Nom est Clitoris

Le esperienze delle intervistate si estendono inevitabilmente ad un discorso generale sulla sessualità femminile: il personale diventa dunque politico, e la clitoride diventa l’emblema di indipendenza, di lotta e rivoluzione contro la sovrastruttura religiosa e la morale ancora bigotta di una società patriarcale.