Amma Asante scriverà e dirigerà una miniserie intitolata Levittown

La regista e sceneggiatrice Amma Asante è stata scelta per scrivere l’adattamento del libro bestseller di David Kushner, “Levittown: Two Families, One Tycoon, and the Fight for Civil Rights in America’s Legendary Suburb“. Secondo Deadline, lo studio indipendente Wiip ha opzionato i diritti del libro e sta collaborando con The Gotham Group per svilupparlo come una miniserie.

Amma Asante, che dirigerà il pilot, già in passato aveva lavorato più volte a storie ispirate a eventi reali e ha all’attivo quattro lungometraggi diretti tra cui A United Kingdom (L’amore che ha cambiato la storia, 2016) e Belle (La ragazza del dipinto, 2013).

Il libro a cui si ispirerà la miniserie racconta gli eventi accaduti dopo che la prima famiglia afroamericana si trasferì nell’iconico sobborgo per soli bianchi di Levittown, in Pennsylvania. “Mentre il conflitto straziante che si è sviluppato avrebbe trasformato un’intera nazione, Levittown è in realtà la storia di tre famiglie: i Levitt, immigrati di seconda generazione trasformati in titani immobiliari con un impero alimentato da ingegnosità scadente e rivalità tra fratelli; i Wechsler, attivisti ebrei perseguitati dal loro passato comunista, e la famiglia Myers, un’insegnante di scuola e suo marito veterano della seconda guerra mondiale il cui semplice desiderio di trovare una casa più grande per crescere due figli avrebbe dato spinta a un potente movimento nazionale e fatto guadagnare a Daisy Myers il soprannome di “Rosa Parks del Nord”.”

Se la serie dovesse andare a buon fine, Asante sarà inoltre la showrunner e la produttrice esecutiva. Recentemente ha lavorato per la tv dirigendo due episodi di Mrs. America (la serie con Cate Blanchett che racconta le battaglie femministe degli anni ‘70) e di The Handmaid’s Tale.

Il prossimo progetto per il cinema è invece il film biografico The Billion Dollar Spy, che racconta la storia della spia più preziosa del Pentagono durante gli ultimi anni della Guerra Fredda.

Media

Ultimi approfondimenti

Intervista a Maria Paz Gonzalez, regista di Lina de Lima

Maria Paz Gonzalez è una documentarista cilena. Il suo primo film di finzione, Lina de Lima (ne abbiamo parlato qui), ha vinto al FESCAAL...

Perché Sex Education non è una serie tv come le altre

Prodotto originale Netflix creato da Laurie Nunn, Sex Education si è sicuramente aggiudicato un posto di rilievo tra i prodotti della piattaforma, differenziandosi dalle...

Il piacere femminile in Mon Nom est Clitoris

Le esperienze delle intervistate si estendono inevitabilmente ad un discorso generale sulla sessualità femminile: il personale diventa dunque politico, e la clitoride diventa l’emblema di indipendenza, di lotta e rivoluzione contro la sovrastruttura religiosa e la morale ancora bigotta di una società patriarcale.