Feel Good torna su Netflix: il trailer della seconda stagione

L’anno scorso abbiamo fatto presto ad innamorarci di Feel Good, una delle prime serie aggiunte al catalogo Netflix in periodo di pandemia.
Chi si era ritrovato costretto in casa da un giorno all’altro aveva trovato le caratteristiche ideali per il binge-watching: Feel Good è breve, è leggera, e ha dei bei personaggi.

La prima stagione ha saputo alternare perfettamente i momenti leggeri alle tematiche più serie, mai banalizzate seppur mai trattate in modo “pesante”.

La narrazione è scorrevole e forse sei episodi risultano pochi: alla fine della prima stagione dispiace di non poter seguire ancora le due protagoniste e sapere come andrà avanti la loro storia.

E finalmente è arrivata la bella notizia: Feel Good è stata rinnovata per una seconda stagione, in arrivo su Netflix il 4 giugno.

Continueremo a seguire la protagonista, Mae, nei suoi tentativi di mantenere sobrietà e relazioni umane, incluso il rapporto con George.

Feel Good arriva proprio durante il Pride Month di giugno, il mese che ogni anno celebra la comunità LGBT+ in tutto il mondo.
Oltre a raccontare la relazione d’amore tra due donne, Feel Good è la storia semi-autobiografica di Mae Martin, che ha recentemente dichiarato sui social di essere non-binary.

Mae Martin e Charlotte Ritchie ritornano nel loro ruolo, insieme a Lisa Kudrow, Philip Burgers, e Adrian Lukis.
La seconda stagione sarà lunga sei episodi, ed è già stato annunciato che sarà l’ultima della serie.

Di seguito il trailer:

In generale è stato un bellissimo anno per Mae Martin, con la pubblicazione di un libro semiserio sulla sessualità nel ventunesimo secolo e il definitivo passaggio da giovane promessa a star della stand-up comedy. E non dimentichiamoci della nomination ai BAFTA proprio per il ruolo in Feel Good.

Ultime news

Zoë Kravitz al debutto come regista con il film Pussy Island

L'attrice di Big Little Lies e High Fidelity debutterà dietro la macchina da presa con un film intitolato Pussy Island, di cui sarà anche...

“The Power of the Dog” di Jane Campion in anteprima a Venezia

Jane Campion presenterà il suo primo lungometraggio dopo oltre dieci anni, in anteprima al prossimo Festival del cinema di Venezia. Intitolato The Power of...

Ava DuVernay e Google in supporto delle minoranze sottorappresentate al cinema

ARRAY, il collettivo artistico fondato da Ava DuVernay, ha stretto una collaborazione con Google al fine di stanziare annualmente 500 mila dollari. La somma...

Ultimi approfondimenti

Intervista a Maria Paz Gonzalez, regista di Lina de Lima

Maria Paz Gonzalez è una documentarista cilena. Il suo primo film di finzione, Lina de Lima (ne abbiamo parlato qui), ha vinto al FESCAAL...

Perché Sex Education non è una serie tv come le altre

Prodotto originale Netflix creato da Laurie Nunn, Sex Education si è sicuramente aggiudicato un posto di rilievo tra i prodotti della piattaforma, differenziandosi dalle...

Il piacere femminile in Mon Nom est Clitoris

Le esperienze delle intervistate si estendono inevitabilmente ad un discorso generale sulla sessualità femminile: il personale diventa dunque politico, e la clitoride diventa l’emblema di indipendenza, di lotta e rivoluzione contro la sovrastruttura religiosa e la morale ancora bigotta di una società patriarcale.