Master of None, Lena Waithe sarà protagonista della terza stagione

Master of None ritorna su Netflix il 23 maggio per un’attesissima terza stagione, a quattro anni di distanza dalla seconda.

Aziz Ansari, creatore della serie e protagonista delle prime due stagioni, nei nuovi episodi sarà prevalentemente dietro la telecamera. Al centro della narrazione ci sarà invece Lena Waithe, che già nella seconda stagione aveva mostrato di poter raccontare molto su Denise – finora personaggio secondario della serie.

Proprio il quasi autobiografico episodio “Thanksgiving“, che si concentrava sul personaggio di Denis e sul suo coming out come donna lesbica, aveva portato alla vittoria dell’Emmy come Outstanding Writing for a Comedy Series, rendendo Lena Waithe la prima donna nera a vincere il premio.

La nuova stagione seguirà la relazione tra Denise e Alicia (Naomi Ackie) per un totale di cinque episodi, tutti scritti da Lena Waithe e Aziz Ansari.

Il titolo ufficiale è “Master of None: Moments in Love“.

Di seguito il trailer:

Tra gli altri lavori di Lena Waithe ricordiamo “The Chi” E il recente “Them” (disponibile su Prime Video). Qui una bella intervista di IndieWire sul ruolo dei neri sullo schermo, il coming out a Hollywood e molto altro.

Ultime news

Zoë Kravitz al debutto come regista con il film Pussy Island

L'attrice di Big Little Lies e High Fidelity debutterà dietro la macchina da presa con un film intitolato Pussy Island, di cui sarà anche...

“The Power of the Dog” di Jane Campion in anteprima a Venezia

Jane Campion presenterà il suo primo lungometraggio dopo oltre dieci anni, in anteprima al prossimo Festival del cinema di Venezia. Intitolato The Power of...

Ava DuVernay e Google in supporto delle minoranze sottorappresentate al cinema

ARRAY, il collettivo artistico fondato da Ava DuVernay, ha stretto una collaborazione con Google al fine di stanziare annualmente 500 mila dollari. La somma...

Ultimi approfondimenti

Intervista a Maria Paz Gonzalez, regista di Lina de Lima

Maria Paz Gonzalez è una documentarista cilena. Il suo primo film di finzione, Lina de Lima (ne abbiamo parlato qui), ha vinto al FESCAAL...

Perché Sex Education non è una serie tv come le altre

Prodotto originale Netflix creato da Laurie Nunn, Sex Education si è sicuramente aggiudicato un posto di rilievo tra i prodotti della piattaforma, differenziandosi dalle...

Il piacere femminile in Mon Nom est Clitoris

Le esperienze delle intervistate si estendono inevitabilmente ad un discorso generale sulla sessualità femminile: il personale diventa dunque politico, e la clitoride diventa l’emblema di indipendenza, di lotta e rivoluzione contro la sovrastruttura religiosa e la morale ancora bigotta di una società patriarcale.