Gli Emmy introducono i premi come “performer” per le persone non-binary

Una nuova regola degli Emmy permetterà ad attori e attrici di avere sul certificato della propria nomination l’etichetta “performer” invece di “attore” o “attrice”. La stessa etichetta potrà essere apposta sulla statuetta, in caso di vittoria.

Una bella notizia, dunque, per quanto riguarda l’inclusione nella televisione. Si tratta di un primo passo avanti verso il riconoscimento, nei premi tv, delle persone non-binary e gender fluid, cioè quelle che non si identificano nel binario maschile-femminile.

Siamo ancora lontani dalla piena inclusione delle persone non-binary: i premi saranno ancora divisi nelle due categorie maschile e femminile. Dall’organizzazione degli Emmy precisano che non c’è nessun requisito che impedisce di iscriversi in una o nell’altra categoria. Ma resta il fatto che in fase di sottomissione della candidatura bisogna scegliere se ci si sente più “attore” o “attrice”.

L’anno scorso la Berlinale aveva annunciato un’innovazione ancora più profonda: da quest’anno i premi sono gender neutral, e non più divisi tra maschili e femminili.

La cerimonia degli Emmy di quest’anno sarà il 21 settembre, con l’annuncio delle candidature previsto per il 13 luglio. Come successo per i BAFTA, per alcuni premi potrebbero essere nominate persone non binary.

Media

Ultimi approfondimenti

Intervista a Maria Paz Gonzalez, regista di Lina de Lima

Maria Paz Gonzalez è una documentarista cilena. Il suo primo film di finzione, Lina de Lima (ne abbiamo parlato qui), ha vinto al FESCAAL...

Perché Sex Education non è una serie tv come le altre

Prodotto originale Netflix creato da Laurie Nunn, Sex Education si è sicuramente aggiudicato un posto di rilievo tra i prodotti della piattaforma, differenziandosi dalle...

Il piacere femminile in Mon Nom est Clitoris

Le esperienze delle intervistate si estendono inevitabilmente ad un discorso generale sulla sessualità femminile: il personale diventa dunque politico, e la clitoride diventa l’emblema di indipendenza, di lotta e rivoluzione contro la sovrastruttura religiosa e la morale ancora bigotta di una società patriarcale.