“The Power of the Dog” di Jane Campion in anteprima a Venezia

Jane Campion presenterà il suo primo lungometraggio dopo oltre dieci anni, in anteprima al prossimo Festival del cinema di Venezia.

Intitolato The Power of the Dog, il film originale Netflix, è basato sull’omonimo romanzo del 1967 di Thomas Savage. La storia è ambientata nel Montana degli anni ’20 e racconta di due ricchi fratelli (Phil e George Burbank), comproprietari di un grandissimo ranch. Secondo Variety, “quando George sposa segretamente la vedova locale Rose (Kirsten Dunst), il fratello intraprende una guerra implacabile per distruggerla, usando suo figlio Peter come pedina”.

A Venezia, Jane Campion aveva già presentato in anteprima An Angel at My Table all’edizione del 1990 del festival, dove ha portato a casa il Gran Premio della Giuria. È stata inoltre la prima regista donna a ricevere il premio più prestigioso del Festival di Cannes, la Palma d’oro. Il film che l’ha fatta conoscere al grande pubblico è The Piano (Lezioni di piano, 1993) con cui vinse l’Oscar come miglior sceneggiatura originale.

Di recente ha lavorato per il piccolo schermo creando, insieme a Gerard Lee, Top of the Lake. La serie, poco conosciuta in italia ma ben accolta dalla critica, ha come protagonista Elisabeth Moss nei panni di un detective che indaga sulla scomparsa di una ragazza incinta di 12 anni.

Media

Ultimi approfondimenti

Intervista a Maria Paz Gonzalez, regista di Lina de Lima

Maria Paz Gonzalez è una documentarista cilena. Il suo primo film di finzione, Lina de Lima (ne abbiamo parlato qui), ha vinto al FESCAAL...

Perché Sex Education non è una serie tv come le altre

Prodotto originale Netflix creato da Laurie Nunn, Sex Education si è sicuramente aggiudicato un posto di rilievo tra i prodotti della piattaforma, differenziandosi dalle...

Il piacere femminile in Mon Nom est Clitoris

Le esperienze delle intervistate si estendono inevitabilmente ad un discorso generale sulla sessualità femminile: il personale diventa dunque politico, e la clitoride diventa l’emblema di indipendenza, di lotta e rivoluzione contro la sovrastruttura religiosa e la morale ancora bigotta di una società patriarcale.