Gli Emmy introducono i premi come “performer” per le persone non-binary

Una nuova regola degli Emmy permetterà ad attori e attrici di avere sul certificato della propria nomination l’etichetta “performer” invece di “attore” o “attrice”. La stessa etichetta potrà essere apposta sulla statuetta, in caso di vittoria.

Una bella notizia, dunque, per quanto riguarda l’inclusione nella televisione. Si tratta di un primo passo avanti verso il riconoscimento, nei premi tv, delle persone non-binary e gender fluid, cioè quelle che non si identificano nel binario maschile-femminile.

Siamo ancora lontani dalla piena inclusione delle persone non-binary: i premi saranno ancora divisi nelle due categorie maschile e femminile. Dall’organizzazione degli Emmy precisano che non c’è nessun requisito che impedisce di iscriversi in una o nell’altra categoria. Ma resta il fatto che in fase di sottomissione della candidatura bisogna scegliere se ci si sente più “attore” o “attrice”.

L’anno scorso la Berlinale aveva annunciato un’innovazione ancora più profonda: da quest’anno i premi sono gender neutral, e non più divisi tra maschili e femminili.

La cerimonia degli Emmy di quest’anno sarà il 21 settembre, con l’annuncio delle candidature previsto per il 13 luglio. Come successo per i BAFTA, per alcuni premi potrebbero essere nominate persone non binary.

Media

Matrix Resurrections, ecco il trailer del nuovo capitolo diretto da Lana Wachowski

Si era parlato tanto in rete, nelle ultime settimane, del trailer di Matrix Resurrections, presentato al CinemaCon di Las Vegas e accolto dai fan...

Feel Good torna su Netflix: il trailer della seconda stagione

La serie tv con (e di) Mae Martin torna su Netflix tra pochi giorni con la seconda e ultima stagione.

Ultimi approfondimenti

Le migliori serie tv scritte da donne – Parte I

Negli ultimi anni il piccolo schermo ci ha regalato personaggi femminili sempre più sfaccettati e interessanti, anche grazie a una serie di autrici che...

Intervista a Maria Paz Gonzalez, regista di Lina de Lima

Maria Paz Gonzalez è una documentarista cilena. Il suo primo film di finzione, Lina de Lima (ne abbiamo parlato qui), ha vinto al FESCAAL...

Perché Sex Education non è una serie tv come le altre

Prodotto originale Netflix creato da Laurie Nunn, Sex Education si è sicuramente aggiudicato un posto di rilievo tra i prodotti della piattaforma, differenziandosi dalle...